Du piéton ordinaire - Archive ouverte HAL Access content directly
Journal Articles Antropologia e Teatro Year : 2016

Du piéton ordinaire

Sul comune pedestre

(1)
1

Abstract

La presenza di danzatori detti amatori cresce sulla scena europea da alcuni anni. Dietro a questo termine di amatore, si nascondono a un tempo una varietà di persone, di pratiche e una certa confusione categoriale. Questo articolo s'interessa a un genere specifico di amatori: non i danzatori non professionisti che portano avanti una pratica costante della danza, spesso modellata su un certo ideale di danzatore virtuoso, ma piuttosto i danzatori che definiamo pedestri, da una nozione presa in prestito dalla postmodern dance americana. Si tratta di quanti compaiono sulle scene professionistiche, in seguito a bandi di partecipazione, reclutamenti locali, che incarnano la finzione di un danzatore naif, intaccato da nessun allenamento, da nessuna pratica, da nessun virtuosismo e pertanto splendido, perché sfugge alle norme coreografiche dominanti. Si tratta, qui, anche di sfumare questo mito del danzatore naif, rendendo evidenti delle forme di allenamento alternative che consistono nell'improvvisazione, nelle pratiche somatiche, nella composizione istantanea; in ultima istanza, la categoria pedestre appare non esterna o opposta a quella del danzatore professionale, ma intrinsecamente legata a questo e persino come finzione prodotta dal mondo della danza contemporanea professionale.
Fichier principal
Vignette du fichier
Ginot_2016_Sul comune pedestre.pdf (235.35 Ko) Télécharger le fichier
Origin : Explicit agreement for this submission

Dates and versions

hal-02293943 , version 1 (25-10-2019)

Identifiers

  • HAL Id : hal-02293943 , version 1

Cite

Isabelle Ginot. Sul comune pedestre. Antropologia e Teatro, 2016, n° 7. ⟨hal-02293943⟩
71 View
29 Download

Share

Gmail Facebook Twitter LinkedIn More